RSS Feeds

mercoledì 18 agosto 2010

Cos'è un PhD?

PhD sta per Philosophiæ Doctor e può essere tradotto con il termine italiano di Dottore di Ricerca.
Per capire bene cosa significhi ho pensato di tradurre in italiano un'affascinante quanto semplice e diretta presentazione fatta dal Prof. Matt Might, docente di Computer Science presso l'Università dello Utah.
Segue la traduzione  dall'originale (The Illustrated Guide to a Ph.D.)

Ogni autunno, spiego ad un nuovo gruppo di studenti dottorandi cosa il dottorato sia.

È difficile descriverlo a parole.

Perciò, io uso le immagini.

Leggi sotto la guida illustrata al dottorato di ricerca.

Immagina un cerchio che contenga tutta la conoscenza umana:


Nel momento in cui finisci la scuola elementare, tu ne conosci un po':


Quando finisci la scuola superiore, ne sai un po' di più:

Con una Laurea Triennale acquisisci una specialità:

Una Laurea Specialistica approfondisce questa specialità:

Leggere pubblicazioni scientifiche ti porta al bordo della conoscenza umana:

Una volta arrivato al limite, metti a fuoco:

Spingi al limite per alcuni anni:

Finché un giorno il confine cede:


E, quell'ammaccatura che avete prodotto si chiama dottorato di ricerca (PhD):

Naturalmente, il mondo vi sembrerà diverso ora:

Perciò, non dimenticate l'immagine più grande:
Continuate a spingere.

6 commenti:

pignanelli ha detto...

Fantastico!

Anonimo ha detto...

in realtà nn ci si capisce niente: nn ho capito una mazza

Anonimo ha detto...

Bellissimo!

Anonimo ha detto...

"in realtà nn ci si capisce niente: nn ho capito una mazza"
Naturale che tu non abbia capito, basta vedere quante bestialità hai scritto in meno di due righe...
"NON" si scrive con la O in mezzo. E "mazza" è un po' poco ortodosso, almeno nei termini in cui stiamo discutendo. Studia e applicati.

Uno che ha un PhD ha detto...

Molto bello tuttavia...
il concetto che il PhD produca l'ammaccatura è quanto meno ottimista...

Anonimo ha detto...

l'importante è essere sempre consci dei propri limiti e della propria ignoranza

Posta un commento